Il THC: è possibile separare gli effetti collaterali da quelli terapeutici?