Dolore sistema endocannabinoide - Cannabiscienza

Cannabis, Dolore e Sistema Endocannabinoide

La cannabis per il dolore viene utilizzata già da tempi antichi. Attualmente, numerose evidenze scientifiche dimostrano che gli endocannabinoidi inducono una riduzione del dolore.

In sintesi:

  • Storicamente i fitocannabinoidi sono stati studiati dettagliatamente per diverse proprietà medicinali, in particular modo come analgesici.
  • Evidenze convincenti dimostrano che i cannabinoidi diminuiscono l’allodinia termale e meccanica, dimostrando il loro ruolo nel trattamento del dolore neuropatico.
  • Il mediatore principale dell’effetto antidolorifico è il recettore cannabinoide CB1, con una distribuzione anatomica nei principali centri del dolore. Altri target sono però coinvolti in questi effetti.
INDICE

1. CANNABIS E SISTEMA ENDOCANNABINOIDE

Negli ultimi anni, diversi studi hanno dimostrato che i derivati della cannabis possono avere un ruolo nel trattamento di sintomi correlati a patologie del Sistema Nervoso.

La Cannabis Sativa L è tra le più antiche specie botaniche note al genere umano e vanta una lunghissima storia di uso e di abuso per scopi ricreativi, terapeutici e religiosi. Abbiamo approfondito l’argomento in questo articolo: Che cos’è la Cannabis Medica?

Dalla cannabis sono stati isolati ed identificati oltre 500 composti, ma le sue proprietà farmaco terapeutiche e psicotrope sono state attribuite principalmente al delta-9-tetraidrocannabinolo (Δ–THC), un composto psicoattivo che, insieme ad altri composti lipidici, quali cannabidiolo (CBD) e cannabinolo (CBN), sono concentrati nella resina della pianta.

Date le numerose proprietà di questa pianta, considerata una vera e propria erba medica, sono state condotte numerose ricerche al fine di individuare le basi molecolari dei suoi effetti farmacologici. Questi studi, supportati dalle tecniche di biologia molecolare e di cristallografia, hanno portato all’identificazione e alla clonazione di due recettori (proteine di membrana con le quali interagisce il THC) che vengono legati dai cannabinoidi naturali e che, quindi, sono presumibilmente responsabili del loro effetto.

Questi recettori rappresentano i  siti specifici di legame per i cannabinoidi, distribuiti sulla superficie di molti tipi di cellule.

La presenza dei recettori nell’organismo ha reso lecita, dunque, l’ipotesi che l’organismo stesso sia in grado di produrre dei ligandi, ovvero delle sostanze che, in maniera fisiologica, interagiscono con i suddetti recettori. La conferma è derivata dal successivo isolamento di ligandi endogeni (sostanze generate dai nostri corpi) per i recettori dei cannabinoidi, chiamati appunto endocannabinoidi.

2. LA FISIOLOGIA DEL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE NELLA PERCEZIONE DEL DOLORE

Il Sistema Endocannabinoide è un complesso sistema endogeno di comunicazione tra cellule. Esso è composto da recettori cannabinoidi, chiamati CB1 e CB2, i loro ligandi endogeni (gli endocannabinoidi) e le proteine coinvolte nel metabolismo (sintesi e degradazione) e nel trasporto degli endocannabinoidi.1

In base alla localizzazione dei recettori cannabinoidi nell’organismo è stato ipotizzato che il Sistema Endocannabinoide sia coinvolto in un gran numero di processi fisiologici, tra i quali:

  • il controllo motorio
  • la memoria e l’apprendimento
  • la percezione del dolore
  • la regolazione dell’equilibrio energetico
  • l’assunzione di cibo e i ritmi sonno/veglia

 

I recettori CB1 sono prevalentemente espressi nel Sistema Nervoso Centrale (SNC) in particolare nel:23

  • sistema limbico (coinvolto nei processi di memorizzazione e nel controllo di stati emotivi quali rabbia, desiderio e paura)
  • gangli basali (centri preposti al controllo della motilità involontaria che comprendono le strutture cerebrali della substantia nigraglobo pallidonucleo caudato e putamen)
  • cervelletto (parte del sistema nervoso che controlla equilibrio e coordinazione dei movimenti volontari)
  • lamine delle corna dorsali del midollo spinale (ricezione degli stimoli).
  • porzione ventro-laterale dell’area grigia periacqueduttale (VL_PAG), area responsabile della modulazione del dolore

 

I recettori CB2 invece sono localizzati nella periferia. In particolare:

  • sulle cellule B e NK del sistema immunitario4

Questi recettori contribuiscono all’effetto immunosoppressivo e antiinfiammatorio dei cannabinoidi in quanto modulano il rilascio di citochine.
Inoltre i recettori CB2 sono espressi da cellule immunitarie residenti nel Sistema Nervoso Centrale chiamate microglia e sugli astrociti e, quando stimolati, riducono le forme proinfiammatorie di tali cellule, risultando in una riduzione del dolore cronico5

Scienziati hanno descritto come l’attivazione dei CB2 porti al rilascio di endorfine da parte dei cheratinociti (le cellule della pelle), che agiscono tramite la via oppiode dei recettori μ, contribuendo all’effetto analgesico.6

Fig.1: Rappresentazione schematica della membrana cellulare con recettori cannabinoidi e i due principali endocannabinoidi (Fonte: Corso Sistema Endocannabinoide)

3. GLI ENDOCANNABINOIDI

I ligandi endogeni vengono sintetizzati a partire da precursori fosfolipidici contenuti presumilbilmente nella membrana cellulare. Essi vengono rilasciati all’esterno della cellula solo quando questa è stimolata, quindi a differenza degli altri neurotrasmettitori non vengono rilasciati dalle vescicole sinaptiche.7

Nel 1992, Raphael Mechoulam e i suoi collaboratori identificarono l’ arachidoniletanolamide, che fu chiamata anandamide (AEA), dal termine Ananda che significa “stato di grazia” o anche “beatitudine eterna”, e definirono tale molecola come il primo composto endogeno che lega il recettore CB1 con elevata affinità.8

Nel 1995, fu identificato il secondo endocannabinoide il 2-arachidonilglicerolo (2-AG), che è più abbondante dell’Anandamide nel cervello.9 Sia la sintesi che la degradazione degli endocannabinoidi avviene ad opera di alcuni enzimi.

Gli endocannabinoidi vengono prodotti per proteggere l’organismo da danni causati da varie situazioni patologiche esercitando azione anti-ossidativa, immunosoppressiva, antinfiammatoria e, in particolare, analgesica, legandosi ai recettori CB1 e CB2.10 Inoltre, è stato dimostrato che essi riducono i sintomi del dolore persistente, l’allodinia e l’iperalgesia.11

 

4. IL DOLORE COME PATOLOGIA NEUROLOGICA/NEUROPSICHIATRICA

La percezione del dolore è un meccanismo critico dell’auto-difesa del corpo, permettendoci di interrompere il contatto con uno stimolo potenzialmente deteriorante.
Quando avvertiamo dolore in maniera cronica, spesso come conseguenza di una disfunzione nervosa o metabolica (per esempio nel caso del dolore neuropatico), è di fondamentale importanza trovare agenti in grado di targhetizzare le vie che lo producono.

Si stima che tra il 6.9% e il 10% della popolazione sviluppi una forma di dolore neuropatico – una sensazione cronica di dolore che si verifica a causa della degenerazione o dalla disfunzione dei neuroni- spesso come conseguenza di altre patologie (cancro, diabete etc).12 Nonostante le cause della problematica siano molteplici, la conseguenza è simile:

  • iper-eccitazione del sistema nervoso (iperalgesia),
  • allodinia (una sensazione di dolore evocata da stimoli non nocivi).

Queste due sintomatologie dolorose, l’allodinia e l’iperalgesia, sono definite in medicina “disestesie” (pensate ad una vera e propria “allucinazione tattile” che deriva da lesioni sul midollo spinale) o “parestesie” (formicolii locali e ipersensibilità), e rappresentano i sintomi che maggiormente limitano la qualità di vita del paziente affetto da dolore cronico, in particolare da dolore neuropatico:

  • L’iperalgesia non è altro che una percezione amplificata ad uno stimolo doloroso.
    In molti casi è possibile descrivere una iperalgesia primaria (accentuata percezione degli stimoli dolorifici in corrispondenza dell’area di lesione tissutale) ed una secondaria (accentuata percezione degli stimoli dolorifici nelle zone circostanti l’area di lesione).
  • Lo stesso vale per l’allodinia, che invece è definita come una percezione dolorosa in seguito ad uno stimolo innocuo. L’allodinia è un sintomo altamente limitante, in quanto è riferito dai pazienti come una scarica elettrica o una sensazione “tipo aghi che penetrano nel corpo” che arriva all’improvviso.

 

A queste sintomatologie dolorose si aggiungono una serie di cambiamenti neuropsichiatrici che vengono definiti in medicina “comorbidità”. Tali comorbidità quali:

  • ansia,
  • depressione,
  • disfunzioni cognitive,
  • perdita di memoria,

rendono il dolore neuropatico una vera e propria patologia neurologica/neuropsichiatrica che ad oggi non ha un adeguato trattamento farmacologico. 

 

5. DOLORE NEUROPATICO: DA COSA È CAUSATO

Il dolore neuropatico è causato da un danno spesso irreversibile che colpisce il sistema di percezione del dolore e compare dopo una lesione del Sistema Nervoso Centrale (cervello e midollo spinale) o del Sistema Nervoso Periferico (radici nervose, plessi, nervi). Ciò comporta fenomeni di riarrangiamento della comunicazione dei neuroni (plasticità neuronale), che rende la percezione di stimolazioni innocue come dolorose.

I processi che sostengono il dolore neuropatico possono venire raggruppati in due grandi categorie:

1) La genesi ectopica di impulsi nocicettivi.

Il termine ectopico deriva dal greco έκ τοπος e significa letteralmente “fuori dal luogo”.
Viene attribuito ai potenziali d’azione che si generano direttamente nelle fibre nervose senza che avvenga l’attivazione della terminazione nervosa corrispondente (ciò si osserva ad esempio anche nell’epilessia). In altre parole questi sono impulsi elettrici anomali generati da assoni o gangli.

2) L’ ipersensibilità dei neuroni nocicettivi centrali

A livello del corno posteriore, del talamo e della corteccia sensitiva sono stati identificati due tipi di neuroni nocicettivi (ovvero, cellule del cervello deputate alla percezione del dolore, dal latino “nocere“).
In condizioni di normalità, questi due tipi di neuroni possiedono comportamenti differenti e ben identificati:13

  • Il primo, il neurone nocicettivo specifico, è connesso perifericamente solo con fibre dolorose e risponde solo a stimoli di elevata intensità (stimoli dolorosi)
  • Il secondo, il neurone ad ampio spettro dinamico, risponde a stimoli di bassa intensità con basse frequenze di scarica e a stimoli di elevata intensità (stimoli dolorosi) con elevate frequenze di scarica.

In seguito a danni periferici (nervosi e non), i neuroni ad ampio spettro dinamico possono subire una modificazione della loro funzione ed iniziare a scaricare frequenze marcatamente nocicettive anche in seguito a stimoli normalmente non nocivi o a stimoli normalmente solo debolmente nocivi.

 

6. PERCHÈ SCEGLIERE UNA TERAPIA A BASE DI CANNABINOIDI?

Il dolore cronico in generale e neuropatico nello specifico, rappresentano oggi il primo target terapeutico per i medicinali a base di cannabinoidi.

Storicamente, era prevalente la convinzione che l’efficacia analgesica dei cannabinoidi non fosse all’altezza di quella degli oppioidi. Tuttavia, la ricerca contemporanea suggerisce un cambiamento di prospettiva, indicando che “la cannabis per uso medico può essere altrettanto efficace e comportare meno interruzioni della terapia rispetto agli oppioidi per il trattamento del dolore cronico non oncologico”.14 Questa intuizione emerge da una recente revisione sistematica e meta-analisi della letteratura, che indica una rivalutazione del potenziale terapeutico della cannabis rispetto ai trattamenti tradizionali a base di oppioidi per il dolore persistente non tumorale.

Infatti, esistono diverse forme di dolore, incluso il dolore neuropatico di diversa natura o anche patologie ancora non ben definite da un punto di vista eziopatologico come la fibromialgia, in cui l’impiego di oppioidi ha scarsa efficacia.

Questo effetto paradosso è dovuto a molteplici fattori, molti dei quali non sono ancora ben identificati. In queste patologie, di contro, i cannabinoidi hanno dimostrato una buona efficacia terapeutica.

Una delle ragioni può essere attribuita al fatto che le scariche spontanee che portano alla sensazione di dolore sono state localizzate principalmente nelle fibre mieliniche afferenti di tipo A, ricche in recettori cannabinoidi, ma non di recettori oppioidi.12

Studi clinici ancora non pubblicati riportano come la terapia a base di cannabinoidi generi una sorta di allontanamento del paziente dall’attesa del dolore.

Tornando alla definizione che abbiamo dato di allodinia, una scarica elettrica improvvisa, capiamo che l’attesa di questo momento è determinante nella genesi di quelle comorbidità (ansia, depressione etc) che rendono nel loro insieme queste tipologie di dolore delle vere malattie.

I medicinali correntemente in uso per trattare il dolore sono ancora principalmente gli oppioidi, ma solo circa il 50% dei pazienti trova sollievo con tali cure, evidenziando come la clinica potrebbe beneficiare enormemente da medicinali orientati alla modulazione del tono cannabinoide.15

Inoltre sembrerebbe che a livello sovraspinale esista un sinergismo tra i recettori oppioidi e cannabinoidi, indicando che l’analgesia da morfina può essere aumentata dai cannabinoidi.
L’utilizzo dei cannabinoidi riduce la necessità della morfina. Il THC è in grado di ridurre la dose minima efficace (ED50) della morfina del 55%, del metadone del 75% e della codeina del 96%.16

7. GLI ENDOCANNABINOIDI ALLEVIANO IL DOLORE

Numerose evidenze scientifiche dimostrano che entrambi gli endocannabinoidi AEA e 2-AG inducono analgesia. (( Pertwee RG.
Cannabinoid receptors and pain.
Prog Neurobiol 2001, 63:569-611))

  • L’effetto analgesico dei cannabinoidi è esplicato attraverso la stimolazione dei propri recettori CB1 e CB2, ma anche mediante il coinvolgimento di altri sistemi di neurotrasmissione come: la noradrenalina,
  • la serotonina,
  • i sistemi di natura peptidica (orexine, endorfine),
  • il sistema purinergico (adenosina).

 

Tuttavia i mediatori maggiormente modulati dai cannabinoidi sono:

  • il glutammato, che rappresenta l’aminoacido eccitatorio per eccellenza del nostro Sistema Nervoso Centrale),
  • l’acido gamma amino butirrico (GABA), che invece rappresenta l’aminoacido inibitorio più importante del nostro SNC.

 

A seguito di una lesione, il livello di endocannabinoidi aumenta; questo avviene sia localmente, presso il sito dell’infiammazione, che sistematicamente su altri target della via del dolore.
Tale reazione è la prima risposta anti-dolorifica del corpo al dolore, ovvero sintetizzare più endocannabinoidi per un duplice obiettivo:

1) inibire la conduzione di terminali nervosi che stanno trasmettendo la sensazione di dolore

2) coinvolgere mediatori anti-infiammatori per ridurre il danno al sito della ferita

8. LA PAROLA AL RICERCATORE: PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Lo scopo della ricerca di base e clinica è quello di:

  1. Identificare nuovi target farmacologici potenzialmente ascrivibili al Sistema Endocannabinoide
  2. Comprendere meglio i meccanismi d’azione dei composti presenti nella Cannabis e le possibili interazioni sinergiche tra i vari componenti attivi
  3. Comprendere le interazioni tra i cannabinoidi esogeni e quelli endogeni
  4. Identificare molecole che abbiano un effetto terapeutico con scarsi effetti collaterali o psicoattivi

In conclusione, il Sistema Endocannabinoide rappresenta uno strumento farmacologico estremamente importante per il trattamento di patologie cronico-degenerative come il dolore neuropatico e altre forme di dolore con componenti affettive ed emotive molto forti come la fibromialgia.

Se vuoi approfondire le tue conoscenze sul ruolo della cannabis e del Sistema Endocannabinoide nel dolore e in altre patologie, con esempi pratici di applicazione della terapia a base di Cannabis Medica, il Master di Cannabiscienza Cannabis Medica e Applicazioni Cliniche è quello che fa per te! Il corso in Cannabis Medica Clinica è un corso innovativo offerto da Cannabiscienza, che fornisce una panoramica completa delle applicazioni cliniche della cannabis, con particolare attenzione alla sua efficacia nel trattamento del dolore cronico, delle malattie neurologiche e psichiatriche, e dei disturbi del sonno.

Per maggiori informazioni sulle varie patologie trattabili con Cannabis Terapeutica, clicca qui.

Il gruppo di ricercatori dell’ Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli. Immagine gentilmente fornita dal dr. Livio Luongo
  1. Di Marzo V.
    Endocannabinoids’ and other fatty acid derivatives with cannabimimetic properties: biochemistry and possible physiopathological relevance.
    Biochim Biophys Acta. 1998; 1392(2-3):153-75. Review. []
  2. Bisogno T, Berrendero F, Ambrosino G, Cebeira M, Ramos JA, Fernandez-Ruiz JJ, Di Marzo V.
    Brain regional distribution of endocannabinoids: implications for their biosynthesis and biological function.
    Biochem Biophys Res Commun. 1999;256(2):377-80. []
  3. Herkenham M., Lynn A.B., Johnson M.R., Melvin L.S., de Costa B.R., Rice K.C., 1991.
    Characterization and localization of cannabinoid receptors in rat brain: a quantitative in vitro autoradiographic study.
    J. Neurosci. 11: 563-583. []
  4. Schatz A.R., Lee M., Die R.B., Pulaski J.T., Kaminski N.E., 1997.
    Cannabinoid receptor CB1 and CB2: a characterization of expression and adenylate cyclise modulation within the immune system.
    Toxicol Appl a Pharmacol. 142: 278-287. []
  5. Luongo L, Palazzo E, Tambaro S, Giordano C, Gatta L, Scafuro MA, Rossi FS, Lazzari P, Pani L, de Novellis V, Malcangio M, Maione S.
    1-(2′,4′-dichlorophenyl)-6- methyl-N-cyclohexylamine-1,4-dihydroindeno[1,2-c]pyrazole-3-carboxamide, a novel CB2 agonist, alleviates neuropathic pain through functional microglial changes in mice.
    Neurobiol Dis. 2010;37(1):177-85. []
  6. Ibrahim MM, Porreca F, Lai J, Albrecht PJ, Rice FL, Khodorova A, Davar G, Makriyannis A, Vanderah TW, Mata HP, Malan TP Jr.
    CB2 cannabinoid receptor activation produces antinociception by stimulating peripheral release of endogenous opioids.
    Proc Natl Acad Sci USA 2005, 102:3093-3098 []
  7. Piomelli D., 2003.
    The molecular logic of endocannabinoid signalling.
    Nat Rev Neurosci. 4: 873-884. []
  8. Devane W.A., Hanus L., Stevenson L.A., Griffin G., Mandelbaum A., Etinger A., Mechoulam R., 1992.
    Isolation and structure of a brain constituent that binds to the cannabinoid receptor.
    Science 258 : 1946-1949. []
  9. A. R., Gopher, A., Almog, S., Martin, B. R., Compton, D. R., Pertwee, R. G., Griffin, G., Bayewitch, M., Barg, J., Vogel, Z., 1995.
    Identification of an endogenous 2-monoglyceride, present in canine gut, that binds to cannabinoid receptors.
    Biochem. Pharmacol.; 50: 83-90. []
  10. Calignano, A., La Rana, G., Giuffrida, A., & Piomelli, D. (1998).
    Control of pain initiation by endogenous cannabinoids.
    Nature, 394(6690), 277. []
  11. Martin, W. J., Loo, C. M., & Basbaum, A. I. (1999).
    Spinal cannabinoids are anti- allodynic in rats with persistent inflammation.
    Pain, 82(2), 199-205. []
  12. Van Hecke, O., Austin, S. K., Khan, R. A., Smith, B. H., & Torrance, N. (2014).
    Neuropathic pain in the general population: a systematic review of epidemiological studies.
    PAIN, 155(4), 654-662. [] []
  13. Woolf, C. J., & Fitzgerald, M. (1983).
    The properties of neurones recorded in the superficial dorsal horn of the rat spinal cord.
    Journal of Comparative Neurology, 221(3), 313-328. []
  14. Haron M. Jeddi, Jason W. Busse, et al.
    Cannabis for medical use versus opioids for chronic non-cancer pain: a systematic review and network meta-analysis of randomised clinical trials.
    BMJ Volume 14, Issue 1 []
  15. Martin, B.R., Lichtman, A.H. (1998)
    Cannabinoid transmission and pain perception.
    Neurobiol.Dis., 5, 447-461. []
  16. Cichewicz DL et al.
    Enhancement mu opioid antinociception by oral delta9- tetrahydrocannabinol: dose-response analysis and receptor identification.
    J Pharmacol Exp Ther 1999; 289(2): 859-867. []
Autore
Livio Luongo
Farmacologo

ti consigliamo di studiare questi corsi:

Master Cannabis Medica e Applicazioni Cliniche

Sistema Endocannabinoide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *